sabato 28 gennaio 2012

Crema notte e balsamo labbra

Oggi pioveva e quindi siccome tutti i miei valorosi uomini erano al sicuro tra le quattro pareti di casa pianificando le nuove semine future e Marc con loro, io avevo le mani libere, ho fatto quindi due cosette facili facili e belle, da regalare domani (ammesso che si vada a fre il week end fuori, si stanno ammalando tutti, stanno cadendo come mosche!) ....ecco mi è appena arrivata conferma che nada, anche la festeggiata ha la febbre a quaranta...

Ok, quindi il suo regalo aspetterà un paio di settimane ed io vi faccio vedere quello che ho fatto, strafacile


Eh già, balsamo labbra in versione vegan, usata quindi la cera di riso, ne sapevate l'esistenza? Bé, adesso sapevatelo! Non so perché mi sono complicata l'esistenza usando 0,8 g di glicerina, ossia la punta di un cucchiaio, con tutti gli emollienti che ci sono dentro: olio di vinaccioli + cera di riso + burro di karité..la glicerina è un umettante, ossia mantiene l'umidità presente, ma tanto poca francamente non ha nemmeno chissà quale funzione.



Ad ogni modo la ricetta per 30 ml  è

10g d'olio
4 g di burro di karité
4 g di cera (d'api, di riso....come volete)
0,8 g di glicerina (che vabbé)
4 gocce di vitamina E

Basta far sciogliere a bagnomaria prima il burro di karité, poi aggiungere l'olio, la cera e la vitamina E, mescolando con un cucchiaino. Di solito la vitamina E si aggiunge a freddo, ma siccome a freddo qua non si può aggiungere niente perché solidifica nel giro di 4 minuti e 23 secondi, aggiungiamo le gocce a caldo. Si versa subito il prodotto ancora liquido nel barattolino e si aspetta veramente poco la solidificazione.

Non ci sono bisogno di conservanti perché non c'è fase acquosa, ma sí di vitamina E perché evita l'irrancidimento tipico degli oli e grassi.



Eppoi avevo promesso all'amica mia una crema potente per ottenere un colorito uniforme e per rigenerare i tessuti (si nota che ha una figlia di due anni?) le ho fatto una crema per il viso agli acidi della frutta, perché sono potenti cheratolitici ed eliminano lo strato di cellule morte e inoltre stimolano la produzione di collagene. E' una crema da non mettere tutti i giorni ma il suo utilizzo da risultato nel giro di un mese.


Gli acidi della frutta abbassano il pH e pure il conservante....per evitare di fare cazzate, ad ogni aggiunta (di vitamina E, di conservante....) ho controllato il pH per non farlo cadere a picco: è a pH 5,5, quindi perfetto, anche se una goccia di soda l'ho dovuta mettere, altrimenti partivamo da una base di 4....

Per 100 ml di crema

40 g d'olio di avocado
1 g di cera di riso
3 gr di emulsionante
56 gr acqua distillata
vitamina E 8 gocce
conservante 20 gocce
AHA 70 gocce

E quindi in un vasetto si scaldano a bagnomaria tutti i grassi (olio,cere ed emulsionante) mentre in un altro vasetto si scalda l'acqua. Quando entrambi arrivano a 70 gradi circa, si mettono i grassi nell'acqua, mescolando con l'aerolatte all'inizio (1 minuto) per poi seguire con il cucchiaio. Mescolare...mescolare...mescolare....senza fermarsi, prendere il bicchiere e metterlo in una ciotola piena d'acqua fredda, così velocizziamo il processo e iniziamo a raffreddare....mescolare, mescolare sempre con il cucchiaino...non vengono grumi e la crema diventa sempre più ferma e bianca. Possiamo fermarci e controllare il pH con le cartine al tornasole, dovrebbe essere 6. Ad ogni modo tutto bene, perché adesso aggiungiamo gli attivi e conservante, a freddo.

Mettiamo la vitamina E e mescoliamo.
Mettiamo gli AHA e controlliamo il pH, che va giù verso il 4. Mescolare. E aggiungiamo anche il conservante, che è acido.
Controlliamo il pH e aggiungiamo una goccia di soda caustica al 20%.

Mescoliamo sempre tra una aggiunta e l'altra per diffondere bene gli attivi.

Travasiamo un un barattolo precedentemente lavato bene ed asciugato.

E' una crema da usare non tutti i giorni perché la concentrazione di acidi della frutta è abbastanza alta, siamo sul 5% del totale della crema.


Anzi, sapete che? La chiamo "crema notte" perché di notte il rinnovamento cellulare è più rapido e questa crema si adatta perfettamente alla situazione, visto le funzioni che ha.


Domani ancora!


2 commenti:

  1. Ero proprio in cerca di una ricetta vegan per il burrocacao e ti ho trovata per caso! L'ho pubblicata nella sezione di cosmesi naturale nel mio sito, citandoti ovviamente, spero non ti dispiaccia :)

    RispondiElimina
  2. Serviti pure! Bel blog, verrò a visitarti spesso! Sei naturalista e quindi mia collega, a presto!

    RispondiElimina