mercoledì 18 gennaio 2012

un giorno qualunque

A volte guardo a questa vita fuori dagli schemi e mi dico "che figata!" tirandomela anche un po', altre volte mi dico "ma perché non lavoro in un ufficio con capo nevrotico ma che alle 18.00 mi lascio alle spalle scappando su 10 cm di tacco?"

però poi ci sono giornate così piene di sole, di silenzio, di sorrisi e di traguardi del nanetto

con il papà


Siccome ha preso il pollice verde dal padre gi piace stare immerso nella pianta di lavanda... se va bene a lui...

lezione di botanica
 E poi tanto per cambiare la passeggiata, faremo 5 km al giorno, non scherzo.... Marc in questi giorni si deve accontentare della stradina asfaltata, perché il suo percorso preferito, la stradina sterrata è inagibile per il fango



Sto nano esce di casa alle 9 del mattino e rientra mugugnando pure alle 18. Confesso che io e il papà ce lo passiamo come una palla perché in orari critici né io né lui possiamo farci molto caso ed è divertente vedere che i nostri soci lo portano a fare un giro o giocano con lui 10 minuti mentre stanno pulendo le rape rosse. Oppure uno se lo porta in braccio a vedere le galline mentre io controllo le fatture e il papi sta seminando nel campo est.

Io voglio un cane. Si perché ho sempre voluto tenerne uno ed ora posso. Raul non vuole perché è rimasto traumatizzato da quando aveva 3 cani enorrrrrrrrrrrrmi, 2 pastori tedeschi ed uno belga, Zappa mitico che ogni mercoledì andava in paese a casa di amici a pranzare, che sono stati rubati e Zappa è morto in strane condizioni e comunque erano veramente impegnativi. E dice che i cani saltano nell'orto e rovinano le coltivazioni.

Allora, io non conosco contadino senza il cane: i vicini ne hanno tre, la mia amica ne ha due. Ed io zero.
Io poi non voglio un cane grande come un toro, ma uno normale. E farebbe da guardia così non ci ruberebbero la bici alle 6 di sera mentre io sono in casa da sola. E Marc avrebbe un amichetto, adora i cani dei vicini.

Solo che venerdì arrivano due gatti, perché da quando è morta investita la nostra amatissima Toquinha a dicembre, sono aumentati i topolini e lepri che si mangiano l'insalata e si sono sgranocchiati una zucca. Quindi avanti tutta con la lotta biologica, arrivano i gatti!!

Vediamo quindi, dobbiamo prima stabilizzare i gatti e poi vedremo con un cagnolino. Comincio a pensare ad un nome, se mi concentro intensamente magari domani me lo trovo davanti alla porta di casa.

Nessun commento:

Posta un commento