martedì 7 febbraio 2012

Fa fred

Che novità, eh già.... E penserete "mai come qua!" solo perché io non sono costretta almeno quest'anno a spalare neve di fronte al garage...ma l'ho fatto caVe, l'ho fatto pure io due Natali fà ed ero pronta pure quest'anno, ma che ci posso fare se il freddo da VOI è arrivato solo adesso? E fa freddo pure qua...si, lo so sono in Spagna...non a Bologna...non nevica, va bene, non sono rimasta intrappolata 45 ore in tangenziale, non sto litigando con il vicino perché mi ha lasciato la neve davanti a casa..non mi sto sollazzando come mia sorella che è a casa e la scuola chiusa....ok, avete ragione, non farà il freddo killer che avete voi però guardate qua


Questo è l'olio che abbiamo in cucina con-ge-la-to. Una goccia a mezzogiorno tarda 10 minuti scendere nonostante la temperatura sia un po' più alta...se volete provate mettete pure la vostra bottiglia d'olio in frigo e otterrete questo, un condensato che da me si forma in cucina. Senza trucco e senza inganno.


Allora, chi ha freddo? Immaginate quindi noi che usciamo dalle coperte, spegniamo la stufetta, vesto Marc a quattro strati e visto che fuori c'è il sole ed io non ho voglia di armeggiare di prima mattina con la stufa a legno di sotto penso "andiamo fuori che al sole si sta bene". Effettivamente si sta meglio fuori che dentro e questo lo sanno tutti, infatti fino a ieri abbiamo pranzato in giardino, solo che??? Vento artico. Pure QUA.
Si, al sole si sta bene finché una raffica non ci fa volare il pranzo...anche il carrello del LIDL è volato nel fossato. Io provo a spingere Marc nel passeggino, ma controvento sembro un cane da slitta e sudo e faccio fatica...lottando contro la corrente...se mi metto con il vento in poppa invece finisco per perdere il carretto con dentro il nanetto e questo no, non posso proprio vederlo decollare! Non oso metterlo nell'altalena che il padre gli ha costruito, dove finirebbe?
I ragazzi soffrono nel campo: la terra ghiacciata, le mani nella terra, la terra negli occhi, la testa nel vento, barcollano contro le raffiche, speriamo che la serra non voli via, dobbiamo fare attenzione perché ogni tanto un vaso di plastica decolla alla velocità della luce ...si accettano scommesse: volerà via prima la serra o le nostre teste?
E quindi metto Marc nella fascia: ci facciamo calore a vicenda ma rimango oramai semiparalizzata da 8 chili di bebé o felicemente addormentato o molto molto agitato.

Di prima mattina non esce acqua dai rubinetti perché si è ghiacciata e c'è anche da fare attenzione ad accendere lo scaldabagno porqué la differenza di temperatura potrebbe rovinarlo e quindi ovviamente noi nei giorni più freddi dell'anno laviamo i piatti con l'acqua fredda per non turbare il povero scaldabagno, normale no? 

Il sole scalda, ma la notte sta per arrivare, portiamo la legna di sopra e accendiamo il camino. Finalmente possiamo togliere i pantaloni termici, chiamati anche "braghe antisesso" quelli che abbiamo comprato scherzando pensando "tanto quest'anno non li metteremo" e sticazzi.....
E poi cominciamo "Raul scendi tu in cucina a far la cena" Nooooo a me fa male la schiena" "Ed io allora che è tutto il giorno che ce l'ho in groppa?" "uff.... dai cuciniamo qua sulla stufa a legna" ...si ma uno dei due deve scendere a prendere qualcosa da mangiare" "...." "....." .... Io: "Gala? Come va? Veniamo a trovarvi che è una settimana che non ci vediamo?"

E fu così che alla fine eccoci appena tornati dalla casa dei nostri amici dove abbiamo cenato e già che c'eravamo ci siamo fatti pure la doccia perché di aspettare che si scaldi il bagno..ti spogli.... ti lavi, gli spifferi..... bbbbbbrrrrrrrrrrrr manco a pensarlo....


E voi là che passate dalla casetta all'ufficio...c'avete ancora freddo?

2 commenti:

  1. Ciao cara!
    E' da un po' che non passo di qui. A dire i vero è da un po' che non uso il pc per navigare e anche il mio blog è stato un po' a riposo. Oggi sono a casa, devo studiare. Fa così freddo che oltre a due maglioni di lana sono avvolta in una coperta e mi tengo pure i guanti sulle mani, sennò mi si congelano le dita mentre sottolineo e scrivo.
    A presto.
    Francy

    RispondiElimina
  2. E pensa che adesso siamo anche in epoca post-riforma, nel senso che dopo aver passato l'estate a sistemare la cucina, adesso è dotata di doppi vetri, superstufa a legna e tetto isolato, immagina quindi PRIMA come si stava!!

    Ad ogni modo il vento ci ha scoperchiato letteralmente il magazzino, e quindi speriamo che non piova...ci sono pezzi di tegole in giro per tutto l'orto che hanno decapitato alcuni broccoli -.-"

    A presto!

    RispondiElimina