domenica 25 marzo 2012

Con che tipo sto

Per chi non l'avesse capito il mio compy di vita è un anarchico: uno che si è fatto 3 giorni di carcere perché non voleva fare il militare e nemmeno il servizio civile. Anche perché negli anni '90 quando arrivò l'alternativa alla caserma qua in Spagna ovviamente sono riusciti a fare i furbi. In pratica il servizio civile prevedeva lavorare gratis, senza nemmeno il rimborso spese. E tutti gli Enti e uffici che accettavano gli obiettori lo facevano con l'unico scopo di sfruttare i ragazzi per 10-12 h al giorno per 12 mesi e metterli a fare fotocopie, guidare autobus dei disabili senza avere la minima formazione, pulire, andare su e giù per la città a fare consegne....Anche chi ha un animo buono come Raul sempre disposto ad aiutare ha detto: io mica sono fesso, il servizio civile io non lo voglio fare. E nemmeno il militare. Quindi il mio lui decise con altri ragazzi di rimanere seduto sul sofà finché la Guardia Civil non è venuto a prenderselo. Solo che ci fu una ribellione tale in tutta Spagna per questo sfruttamento legalizzato, che dopo 3 giorni i giudici lo rimisero in libertà, lui e tutti gli altri ventenni e da quel giorno poi il servizio civile fu almeno retribuito.

Marc è figlio di uno che appunto prese questa casa e la rimise a nuovo e dove il bagno è arrivato 3 anni fa, di uno che l'11 settembre 2001 era a Cuba in vacanza dopo aver lavorato 3 mesi in Repubblica Dominicana costruendo una scuola con terra e fango e non si è accorto che il mondo stava cambiando. Mentre il papà di Marc era un Uruguay a bere mate e fare autostop fino in Cile, la mamma era in Peru scalando il Macchu Picchu, perché mica ha preso il treno come fanno i turisti inglesi, ma ha pagato un tipo di un villaggio che la guidò in mezzo alla selva e la costinse pure a sedersi su un carrellino agganciato ad una fune e attraversare così il Colca Canyon....
Il papà di Marc sono due anni che chiede alla mamma di Marc di partecipare alla cerimonia della Ayahuasca, una cerimonia sacra in SudAmerica che prevede il consumo di un infuso di una liana che dà effetti allucinogeni con esperienze ultraterrene che vanno dal vomito al cagotto fino alla visione celestiale degli dei Inca e Maya che ti lascia ripulito dentro e fuori. Problema: qua si può trovare pagando caro un santone che non è detto che arrivi dalla Colombia perché questa liana in Europa è illegale mentre in SudAmerica è protetta e le cerimonie sono legali e se lo beccano in aereo può succedere che l'arrestino come che no. Dipende dal controllo in aeroporto. E si è fissato di chiedere in giro quando ce ne sarà una.
Il papà di Marc è un tipo che racconta le cose come se fossero la cosa più normale: "Mentre ero in Amazzonia mi hanno ricoverato per una puntura di zanzara ma non era niente di grave, che sarà, dopo 2 giorni ero come nuovo"....mentre la versione degli amici è "Min***a hanno ricoverato Raul perché rantolava dopo essere stato punto da una zanzara,quasi crepa"
Al telefono: "sono andato in montagna a fare una escursione con i tuoi amici italiani, non so perché ma non si sono divertiti molto"
Amici italiani: "io sono scesa subito perché sembrava di scalare la montagna di Moldor, il cielo era nnneeeeero nero nero e anche gli altri turisti scendevano di fretta perché si stava scatenando il temporale, mentre Raul saliva e si perdeva nelle nebbie"
Non mi vuole sposare e oramai me ne sono fatta una ragione. Ogni tanto glielo chiedo ma mi risponde con un sorriso.
Scappava da scuola perché lui tra 4 pareti per 6 ore proprio non ci poteva stare.
Per un periodo ci sono state 16 piante di marjhuana alte 3 metri in giro per il campo. E non erano sue, faceva un favore agli amici e le annaffiava insieme alle melanzane. Talmente buono che -di nuovo-di fronte al giudice ci è finito lui. Fortuna che ha amici abbastanza amici da andare in tribunale e dire "Una è mia, l'altra è mia, la terza è mia...." e scagionarlo.
In estate se volete venire qua se siete sensibili state attente perché lavora nel campo vestito come mamma lo ha fatto.
Quando si annoiava ciciclamente prendeva lo zaino e diceva ai coinquilini: raccogliete quello che c'è nel campo, che io vado un paio di mesi in Brasile.
Si è pagato alcuni viaggi costruendo e vendendo cajones per suonare il flamenco.
Ha lavorato anche per il Circ du Soleil, con l'amico suo Marc dovevano pulire il tendone del circo. Quindi lo hanno smontato e pezzo a pezzo lavato nella nostra piscina, giuro che è vero.
Il papà di Marc ha un bel tatuaggio sull'addome, fatto a crudo secondo il metodo tradizionale maori con i bastoncini. Ha detto poi che è stato il giorno in cui ha urlato di più in vita sua.
Gala dice che conoscere Raul gli ha cambiato la vita, non poteva credere che qualcuno potesse davvero vivere come fa lui, con poco, con così poco eppure essere felice.
Sempre questo tipo, mentre io avevo le contrazioni lui dormiva.





Poi però ha aperto le mani e ha preso al volo il figlio che nasceva.


9 commenti:

  1. il mio uomo ed il tuo non potrebbero essere più diversi... il mio sfugge ogni tipo d'anarchia ed è ligio inverosimilmente alla legge... ...ma mi sa che se il buon Dio mi graziasse con delle contrazioni anche lui soccherebbe di brutto!

    RispondiElimina
  2. Anche il mio si è addormentato mentre avevo le contrazioni! SOB!
    Una vera forza della natura il papà di Marc!

    RispondiElimina
  3. Che poi quando Marc aveva 15 giorni siamo andati a vedere i resti del Centro Sociale occupato che Raul fondó 10 anni fa (e che fu distrutto da alcuni nazi)che è un pezzo storico del movimento anarchico a Valencia, il Pepica la Pilona...in pratica Marc ha visto prima il Centro Sociale del padre che alcuni parenti....fate voi!

    francesca

    RispondiElimina
  4. Lo so che l'hai già ricevuto, ma io te lo do di nuovo! Ciao. L.
    http://downshiftingpercaso.blogspot.it/2012/03/la-primavera-dei-blogger-si-esprime.

    RispondiElimina
  5. Grazie grazie!!! Un giorno fonderemo una repubblica indipendente dei downshifter!

    RispondiElimina
  6. mi fai sbellicare dalle risate!!!
    ho beccato il tuo blog da pochissimo e me lo sto gustando piano e poco a poco come si fa con una buona tazza di tisana (avrei detto vino ma sono astemia)
    sei grande :D

    Daniela

    RispondiElimina
  7. forse un giorno mi daranno la medaglia al valore!! E' un tipo Raul, dovreste conoscerlo di persona!

    RispondiElimina
  8. Allora spero proprio di conoscervi presto di persona.... che personaggi che siete!!!

    RispondiElimina
  9. Oh mamma, sono passata di qui per rilassarmi della giornata pesantissima prima di mettermi a studiare..e sono morta dalle risate! Racconti troppo bene :P Grazie! Prima o poi diventeremo vicine :-D Sei ancora dell'idea di trasferirti oltreoceano? Io tra un paio d'anni sì!

    RispondiElimina