martedì 6 marzo 2012

noi portiamo

6 mesi e una settimana= 8,800kg, pesato stamattina in farmacia.

Se anche voi state crescendo un porcellino-ino-ino e non un bebé, che vi tira dietro la pappetta che gli avete fatto, ma mangia con le mani dal vostro piatto, fino ad arrivare a pesare più di 8 kg compresso in 70 cm di morbidezza, nel passeggino si fa venire l'ansia perché vuole vedere il mondo dalla vostra stessa prospettiva (e c'ha ragione!) ma non volete lussarvi un polso tenendolo in braccio, prendete un lenzuolo qualunque, una sciarpa resistente, uno straccio e fatene una bandolera.


E così andiamo in giro noi e che dire: CI PIACE! Questa bandolera me l'ha cucita mia suocera perché io sono notoriamente impedita ad usare ago, filo, uncinetto, quindi state serene che qua non troverete tutorial.
E la stoffa è made in Africa, come la genetica vuole. Una volta 'sto telo copriva una poltrona dove la gatta si rifaceva le unghie.
E basta mettere mettere le braccine dentro il foulard che Marc rimane addormentato anche per ore.
Più comoda da mettere nello zaino rispetto alla fascia portabebé lunga 5 metri, che comunque uso con un nuovo nodo per portarlo in giro così, anche se la faccenda è un po' più complicata, quando me la dimentico uso una sciarpa e ci faccio giusto un nodo. Ma cerchiamo di non dimenticarla.

Insomma, noi portiamo: il papà porta, io porto e siamo vivi. Sono rientrata nella mia taglia credo solo per il fatto di andare in giro con Marc appeso.
Si, abbiamo il passeggino, ma io se non mi fossi convertita al "portare" adesso probabilmente non saprei più cosa vuol dire prendere i mezzi pubblici, andare al mercato, lavare i piatti senza l'isteria del nano piangens. Mi sto facendo fregare da uno che vuole stare sempre in braccio?  Sarà, ma anche no, visto che dice chiaramente quando vuole scendere. Scendere per andare dove? Nel passeggino. Già. In fondo la mia è una questione di autodifesa più che di ideologie: non voglio rimanere intrappolata in un mondo pieno di barriere architettoniche, di una macchina piccola dove il passeggino manco entra, di un nanetto che sta facendo i denti e piange e l'abbraccio lo consola. A me viene l'ansia della comodità e se per molte questa è l'immagine dell'impedimento fisico (dove vai, come fai ad andare in giro così), per me è l'inno della indipendenza e mobilità. Io sto bene? Lui sta bene? A posto così.
La mia credo che sia solo una questione di genetica: nel 1990 in Africa mia nonna mi portava sulle spalle ed io avevo 7 anni. Io ho preso da lei il gusto naturale del portare.

Prossimo step quindi, mettermi Marc sulle spalle come uno zaino (e a quel punto metterò lo zaino nel passeggino?)

4 commenti:

  1. Ti lascio subito un "pensierino felice", anche se non essendo mamma non posso sapere bene di cosa stai parlando perche' ancora non l'ho provato.

    Pero' ricordo che quando ero una au-pair a Londra, Eleni, una dei bimbi che baby-sittavo, era talmente affezzionata a me che stavamo costantemente "aggrappate". Mi diceva "carry me" e io non sapevo resisterle.

    Lei aveva 2 anni e mezzo quindi e' gia' diverso. Me la incastravo sull'anca e lei stava li' accoccolata per ore mentre io ero hand-free e facevo le pulizie di casa, studiavo, parlavo al telefono...sono soddisfazioni!

    Ah, ti ho risposto per email. Io dico OK!

    RispondiElimina
  2. Infatti, il segreto è quello, incastrarlo sull'anca e muoversi...pensa che il corso di escoestetica è stato di 14h totali, metà delle quali me le sono fatte con Marc nella bandolera, ciondolando sinistra-destra-sinistra per ore! Oramai sono allenata. Cacchio, pesa con una bimba di 1 anno e mezzo -.-" me lo godo finché non potrò più fisicamente portarlo in giro così, sennò mi sderena.

    RispondiElimina
  3. Cara Francesca i mezzi di trasporto sono un problema...io ho due pupetti: Anita e' nata il 21 agosto 2011...più o meno come Marc, vero? Il mio prode cavaliere di due anni sulla schiena e la mia principessa sul fianco o davanti...Per fortuna il cavaliere ama l'autonomia nei movimenti. Il nostro corpo si adatta ai bisogni dei nostri figli anche dopo il parto!! Anche Anita e' nata in casa...nei giorni di grande caldo...sarebbe stato meglio il terrazzo ma ahimè ci sono troppe zanzare! Ti leggiamo!! Felice week end a te e a Marc

    RispondiElimina
  4. Ciao! Si Anita è una settimana più grande di Marc! A me sarebbe piaciuto dare alla luce in piscina pensa, ma Marc mi ha preso alla sprovvista e alla fine abbiamo finito classicamente, nella vasca da bagno. Oddio, pure tu ti carichi il peso doppio come l'amica mia che una volta ho visto con il piccolo di due anni davanti e il grande di 4 dietro?
    In questo viaggio il passeggino me lo sono portato e l'ho anche usato, anche se la bandolera è stata la prima cosa messa in borsa, che fantastica invenzione!

    A presto!

    RispondiElimina