lunedì 25 giugno 2012

Dis-informiamoci!

Fin da piccola sono stata una che non si accontentava delle verità precostruite. Cominciai a chiedere perché e smisi solo quando arrivata alla seconda laurea non c'era più nessuno a cui fare domande.

Per forza di cose leggo cose di mamme, perché leggo blog, ma soprattutto leggo dei malefici link su fb di pagine altrettanto malefiche che dovrebbero essere censurate e che poi eh...tirano fuori il peggio di me.

Diciamolo, io sono auto-lesionista perché continuo a leggere queste pagine, ma loro proprio si danno un gran daffare a dare spazio a certi psicologi che dicono: "Ecco alcuni atteggiamenti che consiglio di evitare per fare addormentare il proprio bambino: cantare, dondolarlo nella culla, cullarlo tra le braccia, dargli la mano, farlo passeggiare in carrozzina o in macchina, dargli il biberon o allattarlo, metterlo nel letto matrimoniale, dargli da bere" e giú le mamme a dire che sono d'accordo, e che viva la tranquillità dopo una giornata di lavoro.... e ovvio io rispondo. A volte proprio per le rime, sic! Ma non ce la faccio, lo devo dire: vi fa comodo che i bimbi vadano a dormire in 5 minuti quando lo dite voi anche se non hanno sonno solo perché fa comodo a voi genitori, per farvi i comodi vostri.


E come no, perché io adesso alle due di notte che cosa sto facendo? E non mi piacerebbe a me farle prima ste cose? Che ho ancora il salotto da sistemare da domenica scorsa e altri dettagli che non sto manco a raccontare?

Dopo aver lavato i piatti, la cucina che ieri abbiamo avuto 30 persone a pranzo e dopo 18 ore al servizio di Sua Nanezza ora sto qua a farmi i comodi miei. E Marc si sveglia intorno alle 8 ed io con lui...

E' ovvio che arrivata una certa si voglia metterli a dormire per avere un po' di tranquillità e fare cose mai più viste da mesi e mesi: vabbé, tanto noi senza tv non abbiamo manco delle serie imperdibili da vedere...si ecco mi piacerebbe leggere un po' di più, fare due telefonate che tanto a mezzanotte non farei lo stesso, però almeno evitiamo questi titoli "Le scuse più divertenti per non andare a dormire".

Ecco, ci risiamo di nuovo le scuse. E dopo le scuse vengono i ricatti e i castighi. Un film già visto e che io non ripeterò mai.

Per me è proprio offensivo scrivere articoli così: innanzitutto perché ancora una volta i bisogni dei bambini non sono ascoltati e poi perché vengono pure messi in secondo o terzo piano e considerati semplici scuse.

Ma voi ci andreste a dormire di peso a 40anni suonati solo perché ve lo dice vostra madre? Non credo.

E non credo alla teoria che i bimbi devono dormire tante ore per crescere (cosa sono zucchine? Sapete che le zucchine crescono dal mattino alla sera e se non le raccogliete subito poi la sera vi ritrovate una mega zucchina immangiabile?), per stare bene...sono d'accordo che debbano dormire bene, ma non che debbano essere costretti a dormire alle 21 per essere svegliati alle 8 del mattino.

Di nuovo, siamo alle prese con i bisogni dell'adulto che vengono trasferiti sui figli senza che questi ce l'abbiano proprio chiesto. E loro non hanno firmato nessun consenso informato. Li prendiamo, li portiamo di qua e di là, si accelleriamo i tempi della nostra vita per incastrare pure le esigenze dei bambini, ma mi dico: è davvero necessario? Se poi devono andare a dormire sparati con il sole che è ancora là alle 22 non c'è da stupirsi se non ne vogliono sapere.

Io davvero non mi vorrò mai ritrovare ad arrivare a sera praticamente lessa come una cozza solo perché ho la pretesa di voler fare tutto, ma proprio tutto per poi accorgermi di non aver fatto niente con Marc o per Marc. Noi abbiamo deciso da tempo che non sacrificheremo un minuto delle nostre vite per fare qualcosa che non ci piace e pazienza se dovremo sacrificare qualcosa che ci piacerebbe fare ma che non possiamo. Preferiamo vivere il presente e godercelo, piuttosto che aspettare il futuro, i tempi migliori, le migliori occasioni, altri momenti migliori ....

Io credo fermamente che tutti i genitori vogliano e facciano il meglio per loro figlio, addirittura chi chiama la SuperTata credo che lo faccia per amore.


Ma a volte, menos es más

E proprio a favore di un sonno felice faccio pubblicità ad un evento che inizierà il 29 di giugno (il giorno in cui Mar compirà 10 mesi) . Sta prendendo piede qua in Spagna, ma chissà magari pure in Italia se gli diamo una spintarella....

traducendo:
vogliamo realizzarlo nelle reti sociali il prossimo 29 di giugno. Vogliamo che l'hashtag #desmontandoaEstivill diventi il trend topic di twitter e che blog, pagine e profili di Facebook si riempiano di messaggi a favore del sonno felice. Se vuoi partecipare, aggiungiti e annuncia nel tuo blog, pagina fb e twitter che prepariamo questa azione per il prossimo venerdì 29 di giugno, aggiungiti alla pagina fb Dia Mundial del Sueño feliz


6 commenti:

  1. I bambini per la maggior parte dei genitori sono solo dei piccoli adulti perchè fa loro comodo ma sono talmente incoerenti (cosa che destabilizza non poco il bambino) da tenergli pannolino, ciuccio, passeggino e biberon anche fino a quattro anni (e oltre ho visto io) perchè anche questo fa loro comodo. Devono "capire" discorsi del tipo "muoviti che mamma fa tardi al lavoro", "sbrigati che sei grande" e poi farsi ficcare il ciuccio in bocca perchè non disturbino!
    Fanno tanti problemi alle coppie che vogliono adottare quando in giro ci sono tanti genitori naturali che avrebbero decisamente bisogno di un colloquio preliminare prima di procreare!!! AH Ah! (in realtà non so se ridere o se piangere)!

    RispondiElimina
  2. P.S. Ho preso in biblioteca (decisamente non lo comprerei) un altro libro di Estivil, sta volta sui bambini che non vogliono mangiare...ti lascio solo immaginare la mia faccia quando ho letto che anche a tavola c'è da usare un metodo a tempo come per la nanna.... AIUTO!!!!

    RispondiElimina
  3. io non compro i libri di Estivill perché non voglio entrare nella statistica delle mamme disperate che cercano un metodo per zittire i loro figli! Ma si lo leggerei se mi capitasse tra le mani anche se Fai la nanna l'ho già letto tutto a suon di riassunti, quello che mi dici lo possono solo immaginare: stile arancia meccanica con la bocca aperta da tenaglie? Riproporre lo stesso piatto colazione-pranzo-merenda-cena? Che poi è quello che ho visto in qualche capitolo di SuperTata (come si chiama?) che dovrebbe essere censurato. E la versione spagnola di quel programma ti assicuro che è PEGGIO.

    RispondiElimina
  4. Ti consiglio "Amarli senza se e senza ma" di Alfie Kohn. Tu lo apprezzeresti.

    RispondiElimina
  5. Ciao! Pur ammettendo candidamente che è pesantissimo alzarsi enne volte per notte e fare fronte a delle urla da spaccare i timpani, mettersi ogni volta gli occhiali e cercare di non prendere testate sulla bocca... credo che la fortuna di libri come quello del pediatra E. (è ora di lasciare cadere nel dimenticatoio questo nome!) sia tentare di proporre soluzioni ai problemi che i pediatri stessi hanno creato anno dopo anno, facendo sì che i genitori abbandonassero progressivamente la (bella) abitudine di dormire con i bambini.
    Per fortuna, anche se molti gridano: "Eureka!" al metodo, ho anche visto tante mamme abbandonare i tentativi con le lacrime agli occhi per il senso di colpa.
    Purtroppo i libri a favore dei bambini sono pochi e ben più difficili da leggere e da capire (intendo per un pubblico di livello medio-basso). Io personalmente adoro "Bésame Mucho" di Gonzalez.
    Mi piace il tuo blog!

    RispondiElimina
  6. ho trovato una bella definizione "si vogliono figli soprammobili, che non diano fastidio, per questo si inventano metodi di cui beneficiano i genitori, non i figli"... qualcuno contrario?

    RispondiElimina