lunedì 18 giugno 2012

Gel doccia al limone

Ho il quaderno sotto al naso da giorni, ma Marc e il padre si sono coalizzati contro di me impedendomi di mettere a punto i dettagli e scriverla. Ora sono a qualche chilometro da qua a fare un giro in bici e per dovere devo scrivere quello che Paola riceverà.


Allora, ho usato un ingrediente impensabile per dare un po' di schiuma (Oddio! Ho detto schiuma!) al gel. Ho studiato taaaaaanta tanta chimica in queste settimane e ho volutamente evitato l'olio di cocco che pur essendo un tensioattivo naturale è abbastanza aggressivo, evitato tutte le basi neutre seppur bio, perché altrimenti metà del prodotto era già fatto e che gusto c'è...e ho sperimentato le .... noci del bucato. Sì, proprio quelle che messe in una borsetta di tela e poi in lavatrice, lavano i vestiti. Infatti, come il gel di Aloe, hanno una percentuale di saponine che fanno effetto schiuma ma sono molto più dolci dell'olio di cocco. Inoltre vanno benissimo sui vestiti dei bambini perché non lasciano residui potenzialmente aggressivi. Qua in Spagna non ho trovato la Saponaria, l'ho veramente cercata ovunque, mettendo pure le titolari delle erboristerie che conosco alla ricerca presso i loro rivenditori della famosa pianta, che però non viene venduta perché tossica nel caso qualcuno si volesse fare una infusione rinfrescante (¿¿??); rendiamoci conto: è possibile comprare tabacco, alcolici vari e fanno pure le pubblicità, ma la Saponaria no, la saponaria ti uccide, quando veramente chi la cerca lo fa solo per poterne fare una infusione e usare l'acqua saponificata come base lavante.

Inzomma, quindi ho usato le noci del sapone, mettendo in infusione le noci in acqua. Agitando un po' il prodotto fa schiuma, non immaginatevi niente di esagerato ma quel tanto che basta per avvolgere il corpo e lasciare la pelle detersa e con un effetto setoso.

La ricetta per 100 ml è:

 noci del sapone 4
acqua minerale 93,88
glicerina 5
xantana 1,5
OE. limone 12 gocce
OE rosmarino 10 gocce
OE petitgrain 10 gocce
Acido lattico qb fino a ph 5,5-6
Conservante cosgard 19 gocce


Quindi facciamo un decotto di noci del sapone, facendo bollire l'acqua.
Una volta tiepida togliamo le noci (nota: proviamo a riusarle ancora due o tre volte o le usiamo per la lavatrice)

A parte mescoliamo glicerina con la xantana che daranno la consistenza gellosa all'acqua.


Aggiungiamo un po' alla volta l'acqua tiepida alla glicerina+xantana, mescolando con un cucchiaino e si formerà il gel. A me piace la schiuma del gel, senza esagerare quindi uso un po' di aerolatte per montare l'acqua.


A questo punto abbiamo finito, iniziamo la fase C, a freddo e aggiungiamo gli oli essenziali e il conservante.

L'acido lattico si aggiunge per ritoccare il pH che ricordiamo deve essere il più possibile simile a quello della pelle, quindi 5,5-6 si misura facilmente con le cartine al tornasole.

Travasiamo un barattolo, possibilmente non trasparente. Questo gel ha una durata di un paio di mesi (e 100 ml si usano subito).

4 commenti:

  1. Hai pensato a comprare le radici di saponaria su internet? Qui in Italia le vendono tranquillamente... sembra la storia dell'iperico che non potevo comprare a Dublino perche' illegale ee poi si poteva acquistare in tutto il resto del mondo...

    RispondiElimina
  2. E se poi mi perseguitano come se fossi una narcotrafficante?! O_o

    RispondiElimina
  3. Ciao!ho scopiazzato questa ricetta molto carina!
    ma perchè il mio gel doccia non fa nemmeno una bollicina-ina-ina?

    RispondiElimina
  4. Anche a me non è riuscita alla prima perché la schiuma delle noci del sapone è molto flebile. Aumenta le noci e prima di usare l'acqua...frullala...vedrai che la schiuma ti esce dalla pentola: io ho raccolto l'acqua e poi la schiuma a cucchiaiate.

    Ad ogni modo questo era un esperimento, sto quasi decidendomi di comprare un derivato dell'olio di cocco, non il caprylis ma un altro (questo http://www.aroma-zone.com/aroma/Fiche_tensioactif_douceurcoco.asp) e vedere l'effetto che fa, usandone meno per privilegiare sempre l'effetto spumogeno delle noci.
    Stiamo a vedere, i gel doccia e shampoo sono le formulazioni più difficili! In pratica non pubblico una ricetta perché ogni notte mi metto a farne una e non mi esce!

    RispondiElimina