mercoledì 19 settembre 2012

La montagna incantata

I nostri giorni di vacanza a dire il vero non sono ancoar finiti, in Italia abbiamo passato 14 giorni ma ne abbiamo ancora 5 come da contratto orale. Quindi tra poco partiremo per la montagna. Alta montagna. A casa di un amico a cui confronto Epicuro è un dilettante.

Un maso del 1600 a tre ore camminando (o mezz'ora di macchina) dal paese più vicino, comunque di 800 abitanti e il più alto della comunità valenciana, a 1300mt, una enclave di origine araba sul cucuzzolo di questa montagna, lontano da tutto.

No bagno, no elettricità, no acqua corrente. Il nostro amico lo sta ristrutturando con calma, ma adesso almeno ha il tetto completato.

Solo viste impareggiabili sulle montagne.

Silenzio.

Libri.

Lume di candela e torce.

Nebbia e freddo.

L'ideale per finire in bellezza queste vacanze, ricaricare batterie e dormire ore ed ore (Marc e Mora permettendo).

Quindi adesso vado ad aprire il baule dei vestiti pesanti e preparo gli zaini, bbbbbrrrrr che voglia che ho di mettermi LE CALZE!!

4 commenti:

  1. Ho riletto due volte il tuo post, Francy.
    Bellissima atmosfera.

    T'invidio.

    Buon freddo!

    ale

    RispondiElimina
  2. pure io litigo con le calze...a volte in pieno inverno mi metto i sandali con solo i calzini colorati ;)

    sicuramente l'hai già ricevuto ma mi fa piacere lasciarti questo da me: http://correndomiincontro.blogspot.it/2012/09/bicchieri-di-cioccolato-pesche-e.html

    RispondiElimina
  3. Cioa Barbara! Vado subito a leggere e grazie!

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia!! Anch'io l'anno scorso ho fatto un'esperienza simile ma con tanto di capre. Il bebito però ancora non c'era... Tanta voglia di tornarci :-)

    RispondiElimina