mercoledì 5 giugno 2013

Natural Parenting:, di chi è il vizio?

Bé c'è da dire che il natural parenting o alto contatto o crianza con apego ha il suo fascino d'altri tempi o altre culture: allattamento prolungato, portare con le fasce, ascoltare i bisogni del piccolino e avere un approccio generalmente anarchico alla vita. E dormire insieme! A me piace  molto il NP, l'ho scelto e credo che sia l'unica scelta di vita possibile, attraverso il Natural Parenting io mi sento libera e me ne strafrego di quello che la gente pensa di me. Per me sarebbe molto più difficile -non so- fare quello che tutti si aspettano, tipo.... bebé in culla a 10 giorni.... fare una lotta libera con i biberon e ciucci (che poi nessuno si scandalizza mai di un bambino di 3 anni con il ciuccio ma per la tetta sì!), non parliamo poi di educazione e salute e alimentazione....

E allora ditemi, dove ho sbagliato?

Perché Marc non è ad alto contatto?

Sarà mica che hanno ragione le mamme che dicono che sono io quella con il vizio della tetta e del lettone?!

Il cosleeping è sempre stata una bandiera del Natural Parenting, un marchio di fabbrica, un credo. E tra le tante cose che fanno parte del "pacchetto" che -dico davvero- ho scelto ancora prima di leggere libri e sentire opinioni altrui, non mi sono fatta fare il lavaggio del cervello....per me e Raul quello di condividere il letto da quando Marc aveva solo tre ore è stata la scelta assolutamente più naturale e spontanea che potessimo fare.

Per farvi capire, se dovessi fare una classifica preferirei cosleeppare per altri 2 anni che portare e se dovessi tagliare su qualcosa per il mio benessere psico-fisico, questo sarebbe l'allattamento. Tanto vi assicuro, Marc è una roccia e i momenti di intimità madre-figlio sono anche altri.

Adoro dormire con Marc. Mi piace l'idea di svegliarmi con lui.
Mi basta guardarloo che dorme nella penombra e nel silenzio per sentirmi proprio felice (musica di violini in sottofondo....)


Eppure stiamo prendendo seriamente in considerazione di far sloggiare Marc per farlo dormire in camera sua. Come credo di conoscerlo i segnali sono abbastanza inequivocabili: gli stiamo sui maroni.

La questione ci coglie assolutamente impreparati perché pur avendo Marc una cameretta con tutti i suoi vestiti e giochi, manca la cosa fondamentale: il letto. C'eravamo sempre detti....naaaaaaaah più avanti ci pensiamo, ha solo 15 mesi! E poi quando mi regalarono un materasso mi era anche venuto un mente di fare un lettino basso con i pallets, tipo il nostro a 5 cm dal pavimento, che potremmo anche chiamare brillantemente lettino montessoriano....e invece lo abbiamo rigirato ad altri...senza sapere che... sarebbe stato lui proprio il nano a farci capire più o meno velatamente che gli diamo fastidio.

Avevamo provato il side-bed, finito male, alla fine era sempre dentro al letto e il suo lì attaccato immacolato.E' che vuole il centro del letto.


Che poi non è questione di materassi, mica mancano, credo semplicemente che lui voglia spodestare noi e tenersi la camera intera.

Gli diamo fastidio se entriamo mentre lui dorme.
Gli diamo fastidio se alzo un gomito per bere anche se è ben distante da me.
Abbiamo provato a farci la doccia tutte le sere (ehm....) chissà magari è l'odore....

Mi prende visibilmente a calci nel sonno ma incazzato proprio spingendomi via da lui, manate in faccia e tutto.


Normalmente tira dritto fino al mattino dormendo e i casi di risveglio sono semplicemente provocati da noi. Erano belli i tempi in cui il batuffolino dormiva beato e al calduccio ed io mi scaldavo il naso respirando il suo sospiro.

Per capire fino a che punto parliamo di un bambino che si ribella a quello che madre ha deciso per lui ( ehehehhe!) ho osservato scientificamente, fatto ipotesi, cambiando le variabili, formulato una tesi giungendo a conclusioni attendibili: settimana scorsa sono andata a pranzo da mia suocera e rimasta fino alle 16 solo per vedere mio figlio che si addormentava nel letto che era stato di suo padre con sua nonna che gli accarezzava la testa. Era stanco, certo, ma la sera vi assicuro che lo è ancora di più.

Allora, mi manca già.

Sono io che sto facendo resistenze all'idea di non averlo più nel letto.

Credevo che avremmo festeggiato i tre anni insieme, o i cinque con l'amica mia....Ecco magari così tanto no, ma che a 21 mesi faccia ciao ciao con la mano e vada in camera, si fiocchi a letto e strizzi gli occhi aspettando che spenga la luce....AZZ!!!

No, quella no, tranquille, la fase di addormentamento è quella classica: tetta.

Ma con un altro dettaglio: da sempre è difficile che lui si addormenti con la tetta in bocca, normalmente 3 secondi prima di cascare -e per me è il segnale- lui si gira e mi dà le spalle....a volte cantandosela da solo.... e va....però è in dormiveglia, c'è, è cosciente, non è il suo metodo di addormentamento vero e proprio, ma un modo per rilassarsi.

Con uno sforzo in più magari potrei dormirlo anche senza tetta, anche se poi perderei di colpo due dei momenti più belli della giornata.

Però sì, mi manca già. 

E ritorno alla domanda: sono quindi io quella con il vizio?





4 commenti:

  1. Bella sorella! Pensa un po'che (guarda caso) noi siamo nella stessa identica situazione. Mi spiego meglio: utlimamente Zeno sembrava svegliarsi malamente proprio nei momenti in cui entravamo noi in camera per andare a letto. Sembrava pure svegliarsi malamente durante la notte quando io, che so, dovevo andare al bagno. Poi il mio compagno si è ammalato e io ho pensato che vista la febbre forse voleva stare tranquillo durante la notte, quindi ho messo a dormire Zeno sul materasso in camera sua (perché anche noi, nautralmente, non abbiamo un letto). E miracolo si è addormentato in tempi record (anche lui sempre alla tetta) e per le successive cinque ore nemmeno un fiato. Cioè roba incredibile. Ora dorme sui bancali, pure lui. Naturalmente durante la notte si sveglia...e se lo porto nel nostro letto sclera. Quindi io migro nella sua stanza. Ancora faccio fatica a crederci. In effetti il vizio, forse, l'ho preso io. Comunque alla faccia di quelli che ti dicono che poi non te lo levi più dal letto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah bene dai....quindi sono in buona compagnia e dire che Zeno è più piccolo.... quindi dai dobbiamo solo ammettere che quelle che hanno bisogno di Estivill siamo noi!

      Elimina
  2. Mi sa che a Marc e anche a mamma e papà farebbe bene un fratellino! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ricominciare da zero domani vero? :-)

      Elimina