giovedì 1 agosto 2013

Quante siamo? Organizziamoci

Sempre anarchicamente eh...

Ho del tempo libero, wow!

E oggi stavo qua girando sulla rete e mi sono accorta che a parte la nostra grandissima Erika, che gestisce Controscuola, ci sono ancora tante mamme che non sanno niente di unschooling, homeschooling, ma come è possibile?
Oppure, sanno cosa vogliono ma non sanno che nome dare a questa sensazione di disagio all'idea che il figlio o figlia una volta entrati a scuola non abbiano le attenzioni e stimoli e RISPETTO che si meritano e che via via, se per carattere non sono forti e preparati, si sentano inadeguati e anche i maledetti voti ne risentano. Perché purtroppo viviamo in una società dove i bambini si considerano in base ai voti che prendono a scuola. Se prendi 4, sei una nullità, se prendi 8, sei una celebrità.


Insomma quindi...



Eppure esiste Controscuola e EducazioneParentale.org, ma mi rendo conto oramai che siamo troppo abituate a fare domande e ricevere risposte lanciandole così su Facebook, perché si creano comunità di mamme che più o meno condividono gli stessi interessi e più facilmente poi emergono discorsi trasgressivi come l'educazione alternativa, e che a loro sorpresa trovano pure un terreno fertile. E' come parlare al bar, anche se un giro sui siti sopracitati io lo consiglio sempre, almeno per una infarinatura inziale e per capire se siamo pronti.
I confonti personali e le chiacchiere comunque hanno sempre la meglio, sono diretti, informali e ci si sente subito a casa, ben accolte.
Io uso FB così, difficile che esca dai miei giri di amici e conoscenti, con il poco tempo che ho e condivido cose molto anarchiche e che a volte scatenano per mio gran gusto, le guerre sul mio profilo, eheh!

Quindi, dopo aver quindi accertato un uso intelligente di questa risorsa, vi indico un gruppo aperto a cui sono molto legata perché fondato da una ragazza che stimo moltissimo e che merita di essere conosciuto: vabbé non è l'unico ma là sto cercando di convogliare tutte le anime sperdute che trovo in giro. Si chiama Imparare in Libertà: iscrivetevi e dite che vi mando io, se non siete già iscritte.E' comodamente diviso anche per aree geografiche, per incontrarsi meglio e magari prendere la decisione finale.

Sto anche recentemente scoprendo (so' due anni che ho l'account ma l'ho sempre usato poco o niente) i poteri di Twitter e anche se siete avverse ai social fatemi un favore: apritevi un account.

Spesso digito #unschooling e trovo solo tanti bei profili.... degli Stati Uniti, Australia.... ma noi dove siamo?

Siamo tantissime, io vi ho quasi tutte su BlogLovin ma devo dire che non è che vi legga ogni sera come mi prometto di fare. Ci provo ma poi arriva anche l'ora di andare a dormire forzatamente.
E' molto più facile per me dare un'occhiata a twitter e cercare gli ashtag che uso di più tipo #anarchia #filosofia #libertà e #homeschooling.

Sapete, perché nei blog scrivete spesso esperienze interessanti, da cui prendere esempio, mi perdo tra i vostri pensieri profondi, mi ci riconosco appieno e mi commuovo pure, ma mi piacerebbe ... non so....farmi i fatti vostri in diretta? Tipo sapere qualche esperienza interessante che state per fare (esplorazione del giardino armati di lenti d'ingrandimento oppure qualche pensiero anarchico-educativo che vi gira per la mente)  e che mi faccia pensare "WOW che figata! e mettere tra i preferiti per tornarci su più tardi, con più calma.

Allora cerchiamo di trovarci nell'oceano twitteriano usando l'HT #unschoolingitalia oppure #homeschoolingitalia per non volare direttamente oltreoceano
 Altro HT completamente abbandonato a se stesso è #educazionelibertaria : 4 risultati tra oggi e aprile 2012, non è possibile...non ci siamo proprio!!

In questo modo potremmo anche tenerci aggiornate con articoli come questo che ho appena ritwittato e via via crescere, scambiarci idee, progetti veloci.

Mi stupisce poi che non esista già un HT italiano che tratti di questi temi, MA siccome non sono onniscente, magari esiste e quindi fatemelo sapere al più presto! 

Se poi ci mettete una foto wow.....tipo un vulcano a punto di esplodere e voi con gli occhiali da laboratorio e camice bianco e facce di bimbo emozionate....

Tipo ieri sia su Instagram che su Pinterest ho messo la foto di Marc che ricamava..heheh e una tipa da chissà dove l'ha ripinnata in una sua board così intitolata "se avessi un figlio..." capite che so' soddisfazioni...


Su Instagram per esempio cerco spesso l'HT #homeschoolpictureday e devo dire che escono risultati interessanti, foto, attività, video....anche da cui prendere inspirazione.


Io credo che noi tutte abbiamo una missione: aiutare altre mamme che sentono che la scuola, l'educazione è in mano ad una lobby di....  (aehm...sto parlando come Raul...)  ma che se ci guardiamo attorno non hanno ancora tutte le informazioni possibili.

O, se queste informazioni esistono, perché esistono anche se criptate, ci vuole più contatto e più visibilità per questa realtà.

E' che veramente oramai siamo tutte su qualche social, almeno usiamolo per qualcosa di utile.

Vi invito poi a postare idee e foto sulla pagina FB del blog di Marc, che mi farebbe proprio piacere ridiffondere e amplificare :-)



Per finire sto cercando di convincere gli altri genitori della Escoleta ad aprire un profilo su Twitter o almeno su Instagram esattamente per le stesse ragioni, non è necessario fare un primo piano ai visi dei bambini, ma ci rendiamo conto oramai che se vogliamo crescere (non in modo esponenziale, solo.... un po' ... ) dobbiamo farci vedere ogni giorno.

Io mi arrovello molto su queste risorse tecnologiche, resisto resisto e poi dopo due anni cedo e mi rendo conto che facevo la fighetta con la puzza sotto al naso, perché non volevo stare anonimamente nella massa comportandomi come una pecora di un gregge.

Invece, come spieghiamo ai nostri figli, questi sono strumenti a cui siamo noi che diamo un'anima e uno scopo. Io leggo i vostri blog, poi ne parlo con le mie amiche, cerchiamo di trarre esempio dalle altre esperienze, anzi vi devo dire proprio GRAZIE DI CUORE perché siete coraggiose, idealiste, superate ogni giorno tanti ostacoli perché da sole, mentre io alla fine non mi posso certo lamentare, con la scuola ad un km da qua.

Siete veramente forti!!!


Come ultimo favore vi invito se magari non avete mai commentato a farlo adesso, così mi aggiungo alla mia lista su Bloglovin :-)














____________________________

Mo' vi dico l'altra verità: mio padre mi ha regalato uno smartphone da 100€, quindi niente di che, con la promessa di usarlo per mandargli foto di Marc con WhatsApp in tempo reale ogni ora, tutti i giorni. Anche se Marc dorme. E lo sto facendo, giuro! Ma a sto punto facciamo tante foto e tante cose per condividere con lui e con tutti.



6 commenti:

  1. E' vero, in Italia non c'è moltissimo.
    Però ti segnalo il gruppo Homeschooling su fb (entrata ad ingresso) e la pagina fb miofiglioascuolanoncelomando.
    Sul sito di bambinonaturale c'è una rubrica sull'homeschooling (ehehe, lo so perché la scrivo io).
    Il mio blog non tratta sistematicamente di hs ma facendo parte di noi c'è anche quello! (www.latteechampagne.it )

    RispondiElimina
  2. Buongiorno, sì bene segnalatemi i gruppi! Nessuno vieta di stare in più di uno :-) Ognuno a modo suo affronta l'educazione in modo diverso!!
    Ah collega, si che leggo i tuoi articoli su BN!

    E mi stanno comunicando che gli ashtag funzionano anche su Facebook, novità! (mica me n'ero accorta...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel gruppo fb che hai indicato sono già iscritta! :)

      Elimina
  3. Francesca tu sei sempre piena di entusiasmo e infatti io vi (tu e Marc) seguo sempre.
    E in parte sono giunta alle tue stess conclusioni: ovvero che anche io avevo la puzza sotto al naso.

    Però però devo dire che secondo me uno dei principali motivi per cui la rete funziona, sì, ma solo fino ad un certo punto è che non ce la si fa ...
    Io l'account su twitter me lo sono pure aperto, ma proprio il tempo da dedicare pure a quello non ce l'ho.
    Cerco di condividere quello che posso nel blog, nei gruppi, commentando i blog altrui .. e già così per me è tanto.

    Alla fine non voglio dimenticare che l'educazione libertaria non è il fine, ma solo uno dei tanti mezzi possibili.
    Il fine è la felicità, mia e dei bambini.
    E questo spesso prevede che si spenga il pc senza aver fatto tutto, senza aver raggiunto tutti ... pazienza.
    In fondo io ho anche voglia di spassarmela con i ragazzi senza avere la macchina fotografica in mano, e senza ripostare le cose belle che abbiamo fatto.
    Oh poi la risorsa è che siamo tante, e magari basta fare anche solo ciascuna un pezzettino ... ;)

    RispondiElimina
  4. Ciao Francesca,
    eccomi anche da te! Grazie per i tuoi suggerimenti "social", cercherò senz'altro di raccoglierne qualcuno prossimamente!!
    Ti segnalo intanto questo bel blog ed è un peccato che sia fermo da un po':
    http://lacasadiserendippo.altervista.org

    E poi ultimamente scrivo un po' di scuola 7-14 anni sulla sezione Bambino di Donna Moderna, un po' allineato ma qualche idea in più si trova ogni tanto.

    http://www.donnamoderna.com/bambino
    Bacioni a te e a Marc!!

    RispondiElimina
  5. mannaggia ecco che ora dovrei leggerlo proprio tutto il tuo blog......un sacco di cose interessanti che ho discusso con alcune mamme ...magari qui trovo risposte altre domande altri spunti interessanti ...ti faccio sapere....
    a presto
    isa

    RispondiElimina